Torna indietro


Il contenuto del testamento

In un precedente contributo ci siamo occupati della possibilità di fare testamento senza rivolgersi al notaio, spiegando quali sono i requisiti formali del testamento da rispettare e fornendo alcuni spunti sul contenuto del testamento. 

Il contenuto del testamento può essere vario: il testatore può disporre dei propri beni; ad esempio, potrebbe attribuire a un erede la proprietà di un immobile e a un altro erede una certa somma di denaro; in questi casi, la disposizione testamentaria ha un contenuto patrimoniale. 

Il testamento, però, può contenere anche delle disposizioni con contenuto non patrimoniale

Ad esempio: in un caso deciso dalla Cassazione con una recente ordinanza dell'8 giugno 2022, il testatore aveva scritto nel proprio testamento di aver donato al figlio il podere nel quale viveva; il de cuius  aveva precisato di non aver ricevuto alcun corrispettivo per il trasferimento della proprietà del podere. Gli eredi del testatore, nello specifico tutti i suoi figli, non erano a conoscenza della donazione disposta in vita dal padre in favore di un solo figlio poiché il de cuius, all'epoca del trasferimento della proprietà del podere, aveva stipulato una compravendita e non una donazione. 

Tra gli eredi del testatore è sorta una controversia che riguardava l'accertamento della simulazione del contratto di compravendita del podere stipulato dal padre - atto di compravendita che simulava una donazione in favore del figlio, come risultava dal testamento pubblicato al momento della morte dal simulato alienante. 

Il testamento può avere valore di confessione?

La Cassazione ha affermato che la dichiarazione contenuta nel testamento configura una confessione stragiudiziale in quanto è destinata ad avere, all'apertura della successione, un duplice effetto: sfavorevole per il testatore e favorevole per il destinatario della dichiarazione. Nello specifico, la dichiarazione confessoria ha avuto un effetto sfavorevole per il figlio beneficiato dalla donazione dichiarata dal padre nel proprio testamento - figlio subentrato nella posizione del padre in quanto erede - e un effetto favorevole per gli altri figli, che hanno appreso della simulazione della compravendita solo in seguito alla morte del padre. 

Un altro caso potrebbe riguardare la dichiarazione, contenuta nel testamento, circa l'estinzione di un credito vantato dal de cuius che gli eredi ritenevano ancora esigibile.

Questi esempi dimostrano che è bene prestare attenzione alla redazione del testamento anche per quelle parti che potrebbero sembrare meno rilevanti in quanto prive di contenuto patrimoniale. 

Iscrivetevi al nostro canale: abbiamo un'intera sezione dedicata al diritto delle successioni.

Per maggiori informazioni, visitate il nostro sito e seguiteci sui social media!

 

Sara Uboldi 

--

Ultimi contributi in materia di diritto delle successioni:

TESTAMENTO: È SEMPRE NECESSARIO RIVOLGERSI AL NOTAIO?

- DEBITI EREDITARI: CHI PAGA?

COMUNIONE EREDITARIA E DIVISIONE GIUDIZIALE

LO SCIOGLIMENTO DELLA COMUNIONE EREDITARIA

Condividi questo contenuto
Non ci sono ancora commenti: commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contraddistinti dal simbolo *

Inviando confermo il consenso al trattamento dei dati personali che ho inserito nel modulo disciplinato dalla Privacy Policy