Torna indietro


In questo video e articolo, il quarto di una serie, parliamo di un regime patrimoniale accessorio della famiglia: il fondo patrimoniale.

Lo definiamo accessorio perché le coppie sposate e le unioni civili possono costituirlo in aggiunta alla comunione legale o alla separazione o, ancora, alla comunione convenzionale dei beni (regimi di cui abbiamo parlato in video e articoli precedenti che trovate su questo blog e sul canale YouTube del nostro studio legale).


Fondo patrimoniale: a cosa serve

La finalità del fondo patrimoniale è quella di vincolare alcuni beni (dei coniugi o di un terzo) alla specifica soddisfazione degli interessi di una famiglia. 

Quale strumento di promozione dei bisogni della famiglia, il fondo patrimoniale non ha solo una funzione conservativa ma può anche agevolare la concessione di crediti o l’assunzione di determinate obbligazioni nell’interesse della famiglia: i creditori della famiglia, infatti, verranno specificamente garantiti con i beni del fondo e saranno quindi, per così dire, "in vantaggio" rispetto ai creditori personali dei partner della coppia. 
 

Vantaggi del fondo patrimoniale rispetto alla comunione legale dei beni

Con il fondo patrimoniale si crea un patrimonio separato con cui soddisfare solo le obbligazioni stipulate nell'interesse della famiglia, il che significa - ad esempio - che  i creditori personali di un coniuge non potranno aggredire i beni conferiti nel fondo nemmeno per la quota parte dei beni di proprietà del loro debitore.

Per i beni in comunione legale, invece, i creditori personali di un coniuge possono soddisfarsi fino al valore corrispondente alla quota di beni dell’obbligato quando non siano sufficienti i suoi beni personali.

Si tratta di un tema evidentemente complesso e caratterizzato da aspetti molto tecnici; basti qui evidenziare che la costituzione di un fondo patrimoniale non protegge i beni vincolati in esso in maniera assoluta: da tempo, infatti, la giurisprudenza interpreta in maniera estensiva il concetto di "obbligazioni contratte per esigenze della famiglia", includendo anche quelle esigenze volte al pieno mantenimento e allo sviluppo della famiglia, nonché al potenziamento della capacità lavorativa, così allargando la platea dei creditori che possono aggredire i beni oggetto del fondo.
 

Se questi temi vi interessano iscrivetevi al nostro canale YouTube, abbiamo un'intera sezione dedicata al diritto di famiglia!
Per maggiori informazioni visitate il nostro sito e seguiteci sui social media!

--

Martina Vivirito Pellegrino

--

Serie sui regimi patrimoniali della famiglia:
1- LA COMUNIONE LEGALE DEI BENI
2- LA SEPARAZIONE DEI BENI
3- LE CONVENZIONI MATRIMONIALI

Condividi questo contenuto
Non ci sono ancora commenti: commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contraddistinti dal simbolo *

Inviando confermo il consenso al trattamento dei dati personali che ho inserito nel modulo disciplinato dalla Privacy Policy

Questo sito usa cookie anche di terzi per migliorare la navigazione: accetta per consentirne l'utilizzo

Accetta Cookie Policy