Torna indietro


CONVEGNO ON-LINE PER GIOVANI AVVOCATI E PRATICANTI

(ri)pensare il percorso professionale:

principi, strategie ed esperienze

 

Qui si può guardare il video integrale del convegno (indicazione dei capitoli nella descrizione, in modo da poter navigare fra di essi).

Qui si può guardare l'intervento di Mirco Minardi (indicazione dei capitoli nella descrizione).

Qui si può guardare l'intervento di Paolo Lanciani (indicazione dei capitoli nella descrizione).

A breve saranno disponibili anche i video dei singoli interventi degli altri relatori.

 

21.5.2021 ore 16

Il convegno è stato dedicato soprattutto a giovani avvocati e praticanti con la speranza che potesse essere utile a tutti i colleghi che, a prescindere dall'età anagrafica, intendono sviluppare il proprio percorso professionale.

L'obiettivo del convegno è stato fornire ai partecipanti utili spunti di riflessione che possano tradursi immediatamente in azione, con riferimento sia a cambiamenti strutturali (crescere nel proprio studio, cambiare studio, mettersi in proprio) sia a innovazioni della propria attività (specializzazione, verticalità, sfruttamento di comunicazione e marketing).

Interventi:

Mirco Minardi, avvocato cassazionista; qui i suoi video.

Mirco ha condiviso l'esperienza professionale di chi ha fatto della (vera!) specializzazione la propria cifra e il proprio successo. Il suo percorso, la sua expertise nel giudizio di Cassazione sono un perfetto esempio per i giovani, a dimostrazione che gli anni di studio ed esperienza, se ben focalizzati e non dispersi, creano autorevolezza e, concretamente, costituiscono fonte di successo.
Mirco ha raccontato come sia giunto a strutturare la propria attività in maniera “verticale” e come questo abbia impattato, nel tempo, sulla struttura del suo studio e dei suoi clienti, spesso colleghi avvocati.
Di seguito una serie di quesiti che hanno animato il suo intervento: hai tentato di esplorare allo stesso modo altri filoni, in passato? Vivi il timore che il filone si esaurisca? Hai scelto la tua nicchia attuale solo per passione o c'è stata una "indagine di mercato"? Come si riflette la verticalità sui collaboratori: rischia di “soffocarli”? Hai il timore di crearti concorrenza in casa? Consiglieresti a un giovane di specializzarsi come hai fatto tu?

Paolo Lanciani, psicologo del lavoro; qui i suoi video.

Paolo si è concentrato sulla condizione del giovane che ha appena finito la pratica o è appena diventato avvocato e si chiede se e quando aprire uno studio (da solo o con altri), spesso frenato dal fatto – ovvio ma pur sempre preoccupante - di non avere (ancora) clienti: ha senso mettersi in proprio da giovani? Quanta esperienza è opportuno aver accumulato? Meglio partire da soli o con altri? Con quali persone? È opportuno che si tratti di “amici”? È normale la paura di non farcela? È sufficiente avere un “cuscinetto” di risparmi per appena qualche mese? Come porsi sul mercato: meglio “specializzarsi” da subito, cercando di essere verticali? Se si è in gruppo, meglio essere complementari o verticali nel complesso? Come cercare i primi clienti? 

Elisa Moro, avvocato e dottore di ricerca, esperta di comunicazione e marketing

Elisa ha trattato di strumenti e strategie a disposizione sia del giovane che si trova nello studio altrui sia del giovane che si sta mettendo in proprio. Di seguito una serie di suggestioni che le abbiamo sottoposto per pensare al proprio intervento:
esistono attività e investimenti in comunicazione e marketing legale a costo zero ma efficaci? 
Google MyBusiness, il blog, i video sui social media: sono davvero utili per creare reputazione e portare clienti?
Quanto sono importanti la qualità dei contenuti e la perseveranza?
Quanto e come ha senso investire? Quali sono le tempistiche per il Return On Investment?
Meglio affidarsi a esperti esterni o impossessarsi della conoscenza e della tecnica? Fino a che punto è opportuno fare da sé?
È necessario affidarsi a web agency o freelance che seguono solo o soprattutto avvocati? È un mercato particolare? Perché gli avvocati sono ancora così indietro: perché comunicazione e marketing non funzionano nel settore legale oppure perché pochi avvocati se ne occupano nel modo giusto?
È pensabile che le web agency e i freelance diventino partner strategici degli studi che assistono, con fee a percentuale?
Ha senso, oltre una certa dimensione (quale?) dotarsi di un esperti interni?

Ha introdotto e moderato:

Alessio Storari, avvocato cassazionista; qui i video di Storari Studio Legale per i giovani avvocati e i praticanti.

--

evento organizzato da Storari Studio Legale
hosted by Dgroove

Condividi questo contenuto
Non ci sono ancora commenti: commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contraddistinti dal simbolo *

Inviando confermo il consenso al trattamento dei dati personali che ho inserito nel modulo disciplinato dalla Privacy Policy

Questo sito usa cookie anche di terzi per migliorare la navigazione: accetta per consentirne l'utilizzo

Accetta Cookie Policy